E’ MORTO A 48 ANNI…NOI E L’UFFICIO ANDIAMO AL FUNERALE

Questa mattina in treno, salgono due tipe di 50 anni, forse, non si capisce più bene l’età e parlottano tra loro che più tardi, loro e l’ufficio, andranno ad un funerale.

“Il povero …. morto a soli 48 anni, povero, com’è possibile. Poveretto..era tanto stressato. Ma io lo avevo capito e gli avevo parlato. Ma lui…tipo difficile…strano…ma era tanto bravo e buono nel suo. Noi e l’ufficio andremo al funerale. Poveretto..giovane…morto..amen.

Sottolineavano, meno male che non era sposato quindi poco male, non lascia vedove in lacrime e orfani in balia della tempesta.

Anche nella morte una persona deve essere identificata con qualcosa. L’ufficio, lo stress, tipo strano..un poco eh non tanto, era single. Meno male.

La morte arriva a tutte le età, nessuno è esente. Muoiono tanti ragazzini, ventenni, trentenni. A quaranta poi è quasi un primo test su come hai condotto la vita. Una selezione. Pensavo fossero chiacchiere, terrorismo verbale, invece è vero. Lo si legge sui cartelloni delle testate giornalistiche, si sente, si viene a sapere. Ma etichettare un essere umano deceduto in mezza età coi soliti stereotipi della cozzaglia generalizzatrice..beh no. No e no.

Ogni istante è un dono

Annunci

3 pensieri su “E’ MORTO A 48 ANNI…NOI E L’UFFICIO ANDIAMO AL FUNERALE

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...