IN TRENO

Dai finestrini del treno le zolle della campagna sono grosse e secche dalla prolungata siccità. Ancore tutto è spoglio e brullo ma c’è nell’esposizione solare e nell’aria un antico sapere che precede la primavera. È bello sentirlo, un senso di dolcezza e pace. Sarà l’ora del pomeriggio.

Sui sedili davanti di me una ragazza liceale si lamenta che Pippo, nome di fantasia, è uno stronzo e che Gina, nome di fantasia, è falsa e dai facili costumi. Come ha osato corteggiare Pippo?

Sul sedile destro un signore dorme con la bocca aperta, altrove tanti cellulari e pochi libri non fanno decollare nessun discorso.

Le liceali scendono ad una stazione anonima e vanno per la loro vita. Verso qualche altro Pippo. Le cornacchie si posano sulle antenne delle case e scrutano l’orizzonte.

Pomeriggio.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...