CHI MI AMA MI SEGUA

Nonostante ci fosse sciopero dei treni, oggi c’era il treno. Grazie a questa coerenza non ho dovuto sciperare anche io per andare a lavorare e regalare soldi allo stato.

Succede che… in treno, nonostante lo strombazzato sciopero c’era, a un paio di sedili davanti a me c’era una coppia lui&lei, secondo me non eccessivamentue assortita. Lui avrà avuto circa 47 o 49 anni, lei meno di 30. Lui vestito in tuta, barba lunga, ma non di quelle curate, stravaccato su due posti, lei graziosetta, sguardo mite da cerbiatta della porta accanto. Confesso che non ho mai creduto troppo alle favole delle cerbiatte della porta accanto o acqua e sapone come si dice in gergo. Sono sicuro che ognuna se vuole ha buone armi per combattere.

Avevo capito che non erano padre e figlia dagli sguardi complici e tenere carezze di lei sulla sua manona pelosa (un orso, davvero). Lui grugnisce di approvazione, giocherella con lo smartphone, grattata alla testa, sbuffa: devi venire con me, chi mi ama mi segua. Lei, che mentre carezzava la manona di lui, giocherellava pure con lo smartphone, bisogna fare infatti tante cose e male insieme contemporaneamente, alza brevemente lo sguardo dal display, ma non troppo, alza le spalle e sbuffa comicamente.

Ma va la, non dire cazzate, dove vuoi che vada?

Lui, che evidentemente non aveva gradito la parola “cazzate” sposta la mano di lei, si da una grattata alle chiappe e fa roteare il cell tipo rito esoterico e borbotta.

Mi sono rotto di fare la cenerentola della storia, se vuoi che ci sia un futuro tra noi devi venire da me in pianta stabile.

Lei appoggia il cell sulle ginocchia e si guarda in giro, si sente presa al laccio.

Non posso lasciare ancora casa mia, devo rimanere e poi tu non lavori. Di che dovremmo campare? Devi prima sistemare la tua vita e la storia con la tua ex compagna..e vostra figlia.

L’omone si mette le mani sulla faccia e poi si da una pacca sulla coscia.

Chi mi ama mi segua ho detto, se mi ami vieni con me, il resto non sono cavoli tuoi.

Lei si guarda in giro di nuovo, mi vede, tutto tace. La fermata successiva scendono, fine della storia. Quante storie simili ci sono in giro, involontariamente ne sono spettatore sia a causa dei miei spostamenti in treno, sia perchè nei colloqui scolastici, quando capiscono di potersi fidare, raccontano storie che credi vengano da un altra epoca, eppure…

Una breve storiella per testimoniare che tante donne, (gli uomini meno, sono vittime del CHI MI AMA MI SEGUA. Senza un po’ di carattere li seguono, non sempre con finali a lieto fine.

Cheers

Annunci

4 pensieri su “CHI MI AMA MI SEGUA

  1. Credo che quando un giorno non prenderò più un treno per andare a lavorare dirò che andare a lavorare col treno è stata una delle cose più divertenti fatte nella vita. Difficilmente si apprezzano le cose vivendole nell’attimo. Ciao 😀

    Mi piace

  2. Chi mi ama mi segua è vero. Ma semplicistico. Non c’è il pezzo forte, quello vero, del Ci amiamo e troviamo una soluzione. Che magari tu segui me o io te, dipende. Non c’è il Vogliamo stare insieme e quindi esiste un compromesso. Non c’è il Ti amo. C’è solo : amami e sarai ricompensata. Non è sufficiente … non lo è

    Piace a 1 persona

Rispondi a Moon Annulla risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...