IL CUORE DELL’ESTATE

Il frinio delle cicale sotto il sole infuocato di luglio. Cantano la stagione più bella, degli alberi da frutto stracolmi di doni, delle colonne d’auto che vanno verso spiagge, laghi o monti. Dei parei delle donne dai colori variopinti, del senso di libertà degli esseri umani. Non tutti, i più fortunati.

L’aria della campagna trema nel caldo del mezzogiorno, l’acqua si infrange sulla sabbia e sui sassi della spiaggia. La gente si diverte, anche urlando al telefono con i commenti acidi degli utenti della playa, quelli che magari sparlazzano su whatsapp o su altre piattaforme social. Così tanto per passare gioiosamente il tempo libero.

Le tipe in bikini si mostrano, uomini tatuati più o meno bellinamente, certi più in carne con i tattoos deformati, sperano di acchiapparsene almeno una. Ma niente da fare, loro ridono, si danno gomitate tra loro, qualcuna fa loro il dito medio.

Compri un gelato, da listino 2.10 euro, ma sulla playa costa 5 euro, 10.000 lire del vecchio conio, lo apri ed è mezzo squagliato. Cade a terra. 5 euro a farsi benedire. Il cuore dell’estate pare essere anche questo.

Annunci

8 pensieri su “IL CUORE DELL’ESTATE

Rispondi a Antonella Lallo Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...