PARK HOTEL

Se i colori dell’estate avessero il blu

dei tuoi occhi

tutti gli altri colori si sarebbero

confusi nei tuoi.

Se la sera montana,

dopo la pioggia del pomeriggio,

avesse il profumo dell’erba e dei boschi umidi,

sarebbe tutt’uno con l’essenza della tua esistenza.

In quel piccolo cortile di quell’hotel,

semplice e modesto,

tanto tempo fa, sai..

non ci sono più tornato,

forse neanche tu.

Invecchiando, nessuno ci tiene più prigionieri

né del male né del desiderio.

Albert, 29/7/1988 – 2019…in memoriam

Pubblicato da Povertà 🌟 Ricchezza

Sono attratto dalla cultura e dall'underground, Amo in maniera viscerale da sempre la Natura, le favole gotiche, le fiabe crepuscolari, il fantasy, i tramonti, la neve, i fantasmi, le situazioni balorde e divertenti e l'amore, che lo faccio raccontare a personaggi bizzarri inventati, in parte. Loro parlano per me

4 pensieri riguardo “PARK HOTEL

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: