QUATTRO CHIACCHIERE IN SPIAGGIA

Come lei, la Stella, quella che…mi diverte! Secondo il suo punto di vista, la spiaggia è una rottura di scatole…una caldana infernale, una noia, un posto da pervertiti. Come te, borbotta con una birra da 0,5 in mano.. Certo, rispondo e me ne vanto. Te ne vanti? Yes babe, perchè siamo felici così senza essere niente di che.

Davvero?

Ok, superman. Non sono superman sono un maestrino di scuola. Ok maestro, me ne vado là dietro gli scogli a mostrare…i cavoli miei. Stella sorseggia la birra e mi guarda maliziosa. Fai vedere le tette bimba? Chiedo io strizzando di occhio.

Stella ricambia la strizzatura d’occhio e beve la sua birra d’un fiato. Ne prende un’altra di scorta, varca la spiaggia e la punta sassosa. Mi stupisco che lo fa a piedi nudi sulle rocce aguzze e una birra in mano senza barcollare. Sarà di acciaio penso ricordando il prima citato Superman. Mi fa cenno di seguirla, appoggia il telo, si stende, si leva il reggiseno e me lo lancia in testa. Ti disturba? No, non mi disturba, pensi che non ne abbia mai visto uno? Lei ride puntandomi un dito in faccia.

Ma le MIE TETTE non hanno rivali, caro. Non discuto. E poi, dice…

…noi, dice, dobbiamo fare la voce grossa davanti a voi maschi poveracci e non avere paura di voi. Macchè poveraccio, scema, Stella si mette a ridere e si stende sul telo. Si, come no, borbotta…maschi… maschi. E con ciò ho detto tutto.

Finchè lo dice lei, brucia la pazzia.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...