STELLA, NELLA NOTTE DELLE STELLE CADENTI

Nella notte di san Lorenzo, la notte delle stelle cadenti, Stella di nome ma non di fatto, vuole confessarsi e quando il telefono suona..

…sai che nonostante tu sia un pó stronzetto ti voglio bene. Uuh che dolce, sono lusingato. Lei sospira. Andiamo a fare un giro fino al chiosco della spiaggia. Andiamo, hai sempre ottime idee. Lo so, scemoide. Scema tu, capra. E invece tu. Tu. Tu. Ok, andiamo? Lei annuisce malinconica.

Stella, vestita in modo sexy e i capelli sciolti sul viso, ricci, bellissimi, ordina una birra e se la scola mezza d’un fiato. Ubriacona le dico sorridendo. Lei mi fa il dito medio. Sai..mormora, devo esprimere dei desideri e voglio vedere tante stelle cadenti. Voglio essere ciucca. Vai, dacci dentro allora. Lei ubbidisce chiamandone un’altra. E poi un’altra.

Alla fine si alza, si leva i sandali e cammina scalza sotto la volta del cielo. Si siede sui ciottoli della playa, sospira ancora, sembra che pianga. La lascio in pace.

Si volta e mi sorride nell’oscuritá stellata. Bella come una dea. Una stella cade e si spegne. Un’altra ancora. Mi siedo vicino a lei e mi abbraccia.

Unici, come questa notte.

Albert, Sappada, 10/8/2019

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

Rispondi