Sotto i cipressi

Le mani della pietá, del dolore e del ricordo depongono in questi giorni, fiori presso i sepolcri cari. Lo possono fare in ogni momento dell’anno o forse mai. Dipende dall’importanza che il caro estinto ha lasciato in vita. Ricordare è bello, qualche volta.

Quando non ci sarò più, ricordati di me. Del bene che ti ho voluto, anche quando non l’ho saputo dimostrare. Ho amato i prati fioriti.

Alb. In Kranjska Gora 1/11/2019

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

2 thoughts on “Sotto i cipressi

Rispondi