Una casa di spettri

La mia casa dei sogni ha forma di torre e si trova in un luogo desolato, sotto alberi secolari. Il posto è riscaldato da un fuoco vivace che scoppietta in un angolo, accanto una tavola di legno grezzo. Sopra la tavola c’è un fiasco di vino di qualitá scadente e una forma di pane duro ma non spacca i denti. Come da tradizione semi gotica, non manca del formaggio. Al tramonto e di notte il fuoco è l’unica compagnia, quasi romantica, il crepitio delle fiamme. Ma non c’è solo quella presenza.

Ombre di spettri attendono di passare alla dimensione ove troveranno la quiete. Mi guardano o non guarderanno mai più.

Foto mie. 5/11/2019 Castello di Steinberg

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

9 thoughts on “Una casa di spettri

Rispondi