In volo su una mongolfiera

Da un sogno vero.

In un bel sogno, da un mondo immaginario dove non piove mai ed è sempre primavera, Barbara, non so da dove sia spuntato fuori questo nome, corre in un prato verde, di un verde splendente e raggiunge una mongolfiera tutta colorata. Io guardo la scena da spettatore, non ci sono fisicamente eppure Barbara mi parla come se fossi a mezzo metro. Vieni, andiamo, saliamo sulla mongolfiera e partiamo.

Ma io non so fare volare questo aggeggio e non credo sia una buona idea. Lei ride e mi fa segno con l’indice sulla nuca come chiedermi se sono scemo. E’ facile dice, saliamo, tagliamo gli ormeggi e voliamo via. Io non sono convinto e mi vedo filarmela via. Ma lei mi prende con una forza sovrumana e mi lancia nella cesta(si chiamerà cesta?) della mongolfiera. Non posso ribellarmi. Barbara taglia le funi e si sale, si sale con una velocità impressionante.

E subito il terreno è lontano, tutto è lontano. Vedi, fa lei appoggiandosi al bordo. Tutto è facile, basta cominciare a pensare di farlo. Fallo, fallo, fallo o non lo farai mai.

Puff, fine del sogno.

Alb. 17/11/2019

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

9 thoughts on “In volo su una mongolfiera

Rispondi