L’osteria alle “Vecchie Glorie” chiude. Cronaca di una mattina tipo in un ex osteria

C’è un’osteria in periferia, periferiaccia abbastanza di serie C, che si chiama “Alle vecchie glorie”. Il nome è molto vecchio e nessuno sa come mai si chiami così. Forse le glorie erano i bevitori più assidui e veraci, ormai passati a miglior vita da un bel po’.

In osteria la giornata comincia molto presto, mi racconta Giuseppe detto Pino Vino, il vecchio gestore. Sai, mi dice, raramente ho servito un caffè liscio senza grappa o amaro. Fa te che poi chiedono un altro giro di grappa per pulire la tazzina.

Croissant? Pino ride, qua non esistono. Paninetti quanti ne vuoi, acciughe, sardelle marinate con cipolla (sardoni in saor alla veneta), melanzane impanate e via. Il tutto accompagnato da quarti di vino bianco o rosso poco conta.

Il suo lavoro procede spedito, gli spinati dalle botti o birre mezze o litri, procedono quasi senza sosta. L’atmosfera è elettrica già alle nove e mezza del mattino.

Così tra letture di giornali eterni, tanto da suscitare baruffe su chi deve leggere poi e no, la mattina vola. Le NUOVE glorie attorno mezzogiorno son già cotte a puntino. Gli aperitivi proseguono senza sosta oppure durano ore, poco importa. La stanzetta è piena. Per qualcuno sopraggiunge ormai il sonno o il vocio pesante..molesto per l’astemio o ex vecchia gloria cui ormai è proibito il bicchiere.

Pino sciacqua i bicchieri da 1/8 di vino e ridacchia. Una risata che sa però di amarezza. Sai, mi fa, col nuovo anno chiudo, basta, le tasse non ci lasciano tregua. Al mio sguardo spiaciuto replica, il nome alle “Vecchie Glorie” non sparirà, vedrai che la saracinesca verrà aperta da qualche cinese. In periferia ormai ci sono solo loro.

Col 31 dicembre Pino ha fatto fuori tutta la scorta per ricordare le vecchie glorie di ieri, di oggi ma non quelle di domani. Addio vecchia osteria. Di tanto che mi rimane non è rimasto neppure tanto.

Pubblicato da Povertà 🌟 Ricchezza

Sono attratto dalla cultura e dall'underground, Amo in maniera viscerale da sempre la Natura, le favole gotiche, le fiabe crepuscolari, il fantasy, i tramonti, la neve, i fantasmi, le situazioni balorde e divertenti e l'amore, che lo faccio raccontare a personaggi bizzarri inventati, in parte. Loro parlano per me

12 pensieri riguardo “L’osteria alle “Vecchie Glorie” chiude. Cronaca di una mattina tipo in un ex osteria

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: