Steffy e la bugia dell’amore/Steffy and the lie of love (VIII)

Steffy, nonostante passi la maggior parte del suo tempo a lamentarsi un poco per tutto, soprattutto per la sua attività affettiva, in verità tutt’altro che deprimente, è una donna vincente.

Rifletteva e si ricorda pochi due di picche ricevuti, tanti invece dati senza nessuna misericordia. Illusione, inganno, prendi e succhia come una vampira. Poi elimina e scarta.

Domani è un altro giorno. Per vincere.

La perfetta stronza, in tuta stravaccata a casa quanto elegantissima, fighissima e sempre curatissima per uscire in serata.

Lei non tira fuori un soldo ovvio, se no che stronzetta sarebbe? Portami qua, andiamo la, su e giù e anche altro ma paghi tu bello. Queste parole sono la sua richiesta e viene sempre esaudita come una principessa. O una sgualdrina stronzaccia, come ama ripetersi la mattina dopo quando l’autostima è a livelli cimiteriali.

O quelle scenate. Amami o mi uccido. Dice un amico davvero innamorato. Ma Steffy non risponde e sta alle spalle. Sopra la città malvagia, ombre e luci ammiccanti. Vendono solo inganni. La vita come dei neon, si spengono e sei finita.

La sera è stata fantastica, lui anche, ha avuto tutto quello che un uomo vorrebbe. Pagando. Ma Steffy non è in vendita per la vita, non per fare la morosa o per legarsi in una relazione.

Steffy sa chiudere le mani con un poker d’assi o una scala reale. Lei chiude la partita, per chi vorrebbe un pò di affetto non c’è speranza.

Per lei non ci sarà speranza.

Alb 20/02/20

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali, dal disagio sociale e la tematica giovanile. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, scrivere qualche riga qua e là su temi giovanili, personaggi femminili tragicomici e un po vintage, perchè mi piace così. Ad maiora

18 thoughts on “Steffy e la bugia dell’amore/Steffy and the lie of love (VIII)

        1. Leggevo in questi giorni di certe ragazze vanesie che in nome della giovinezza e avvenenza finisca farebbero e fanni di tutto per sfruttarla, finché dura. Robe incredibili. Forse ho fatto fare alla Steffy una figuraccia da strega dell’antipatia..la prossima volta la farò a piangere per la solitudine e per la vita squallida 😄

    1. Ahah, grande, proprio così. L’ispirazione di sta storiella della povera Steffy, l’ho avuta stamattina in treno. Una tipa parlando con una sua penso amica diceva senza troppi problemi che deve sfruttare la sua avvenente giovinezza per fare soldi, non importa come e con chi o come. Il tempo è poco. Ed è un pensiero diffuso. Come se la vita fantastica sia un timer e dopo i 25 anni sei fottuto/a

Rispondi