Nel tempo della chiusura e di una nuova forma di prigionia, cambia il nome, non la situazione, il colore che più porta vita è il verde…

…ma non per le solite frasi fatte, come verde speranza o altro.

Su quel bel promontorio che dava sul mare, sterminato sotto, il fatto di essere idealisti e più giovani, ci faceva correre lungo le vecchie scale dei pescatori, oltrepassare con incoscienza la ferrovia e poi volare vivendo veramente la vita nell’attualità più vera, autentica, reale.

Il colore del mare, quello accanto la baia, era davvero verde smeraldo. Che tuffi da quegli scogli, che sorrisi, che gioia.

Non avevamo soldi, forse due lire di numero per prendere qualcosa al chioschetto. Ma non importava. Al tramonto, dopo ore di sole di ritorno con meno slancio su per le scale, di nuovo oltre la ferrovia e il promontorio.

Io non credo che ogni epoca della vita siano giuste per l’idealismo e per la gioia autentica.

Ora siamo qua chiusi in una gabbia e quando finirà torneremo in un’altra.

Osare è coraggio, coraggio è audacia, audacia è temeraria.

Chi non osa non ha nulla, solo rimpianti.

Albert 14/4/2020

5 pensieri su “Verde acqua/Green water

Rispondi a Povertà e Ricchezza 🌟 Storie di Alberto C. Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...