All’orizzonte

Nei momenti neri della vita l’unico sole viene rappresentato da un prato. Il prato e l’orizzonte.

L’orizzonte, la visione dell’infinito, nel drammatico momento attuale rappresenta la più triste utopia dal momento che non può essere raggiunto. E poi?

Una volta che potrà essere raggiunto fisicamente, in teoria dal momento che l’orizzonte è infinito, quindi non può essere raggiunto, cosa cambia?

Il dovere imposto dagli altri, dal sistema, da quello che conta in questa vita, secondo gli altri, rende questo meraviglioso spazio infinito, tanto sognato, un muro di nuvole nere, nebbia e dolore. Dolore come dovere, tempo risicato per far contenti gli altri, anni che passano e traguardo finale sempre più vicino.

L’orizzonte è laggiù, nella sua maestosa bellezza, come un’utopia di una magica casetta nel bosco o il semplice correre in un prato per sempre, senza doveri, e desideri confusi.

L’orizzonte si staglia là senza possibilità di essere raggiunto. E il tempo passa inesorabile, perfido.

Pubblicato da Povertà 🌟 Ricchezza

Sono attratto dalla cultura e dall'underground, Amo in maniera viscerale da sempre la Natura, le favole gotiche, le fiabe crepuscolari, il fantasy, i tramonti, la neve, i fantasmi, le situazioni balorde e divertenti e l'amore, che lo faccio raccontare a personaggi bizzarri inventati, in parte. Loro parlano per me

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: