La verità è strana / The truth is strange

Josef Süss (1867 – 1937)

La tarda primavera come il cuore dell’inverno canta canzoni che narrano di malinconia più che di distrazione effimera di una stagione che è preludio di altre. Susseguirsi di cose già viste, di scelte che non variano molto da giorno a giorno. Ormai da un pò di tempo.

La maggior parte delle volte vale una regola stabilita da altri più che da noi stessi. Chi ha il potere di scelta assoluta del proprio orizzonte lo urli ad alta voce, così dalla mia elevata posizione, geografica, potrò sentire un coro di IO oppure un assordante silenzio. Non vale per la situazione succedutasi giorno per giorno negli ultimi tre mesi, ancora?

Dicono che tutto si sta sgretolando, che finisce in questi giorni. La verità è una consuetudine della fiducia, in una nazione di balle ci credono in pochi.

Il quadro del pittore austriaco, Josef Süss, figlio del fin se sìècle o Belle èpoque, ritrae queste figure femminili intente nella raccolta di legna per il riscaldamento domestico, all’epoca si usava così. Mia bisnonna, mi raccontava che andava nel fiume in tutte le stagioni a fare questo pesante e obbligatorio lavoro, ormai quasi cento anni fa. Se no erano botte.

Ogni epoca, anche quelle più celebrate, perchè non state vissute, rappresentano un’era migliore. Così Dieci anni fa, venti, trenta. Tra dieci anni questo tempo verrà ricordato come una specie di nuovo umanesimo?

Queste sere, quando il buio arriva più tardi e il cielo è spesso coperto di nubi nere, rosa, sole e pioggia, si viaggia bene con la mente. Mai al contatto con la realtà, ovvio!

A. 2/6/2020

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

5 thoughts on “La verità è strana / The truth is strange

  1. Una riflessione molto interessante sulla libertà di scelta e sulle scelte che si fanno o si è costretti a fare in certi momenti della vita.
    Mi dispiace non essere stato più presente in questo periodo.

Rispondi