Avventure di ragazze @ STEFFY E IL MARE @ Narrativa @ Racconti brevi @ Storie di giovani di periferia

Stefania in arte Steffy ha trovato alla fine un ottimo sistema per scroccare una vacanza al mare.

I tempi della piscina comunale sono per il momento lontani, per il momento ovvio, ma la vita va vissuta momento per momento, del doman non v’è certezza diceva qualcuno.

E aveva ragione!

Il sistema è stato il solito, quello che le ha permesso di fare una vita piuttosto agiata da quando ha capito il sistema per farlo funzionare.

Frequentare solo persone di un certo livello economico, promettere una montagna di balle in cambio di un pò di affetto, ruffianarsi quanto basta,

Q.B. come diceva sua nonna buonanima, per arrivare allo scopo.

Lo scopo, se uno intende l’atto sessuale, non è propriamente necessario, a meno che non si tratta di qualche fico, anche l’occhio e il tatto vuole la sua generosa parte, dato che lei è una ragazza molto piacente e ben tenuta. Quindi…

…quindi tanto offro tanto pretendo. Se no, si può ricorrere nel sistema

“PROMETTERE UNA MONTAGNA DI BALLE”.

Funziona sempre e se poi il ciccio si arrabbia, beh affaracci suoi. Morto un papa se ne fa un altro.

Steffy. oltre ad essere una ragazza un pò canaglia, nasconde anche un animo molto dolce e sensibile.

Nessuno direbbe, ma nessuno la conosce davvero,

Lei non si sbottona nel raccontare i suoi stati d’animo, gli AFFARACCI SUOI, quindi nessuno si sogna che sotto quella belloccia snob si nasconde un’anima romantica e sognatrice.

Steffy ama stare da sola, guarda il mare del tardo pomeriggio si appoggia su una balaustra, il vento che viene da ovest la investe quasi volere portarla via.

E’ leggera, si tiene il cappello con le mani.

Le gocce del mare che si infrange sugli scogli la investe, chiude gli occhi, sogna, si lascia prendere la trance della pace del luogo…

…riflette su se stessa un pò.

Un pò soltanto, fa bene riflettere che la cuccagna non durerà per sempre.

Le donne sfioriscono come i fiori, non sono più attraenti…lo sono in maniera diversa. Che strana la vita e…

…e un’onda più alta delle altre sbatte sugli scogli, li scavalca e la bagna da testa ai piedi.

Il cappello che aveva in testa se ne vola al diavolo, in mare e il mare se lo porta via.

Cazzarola canaglia!

sbotta togliendosi l’acqua dal viso. Intanto il cappello sparisce dalla vista…

come i giorni della vita, i mesi, gli anni, le stagioni, l’universo.

Albert 12/8/2020

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

9 thoughts on “Avventure di ragazze @ STEFFY E IL MARE @ Narrativa @ Racconti brevi @ Storie di giovani di periferia

Rispondi