Perla

 

L’amore impossibile, il desiderio irrealizzabile 

 

Percorrendo viali invernali gelati, di città sconosciute dove esseri umani con lo sguardo assente fissano il niente davanti a sé, le auto si innervosiscono sotto la tenaglia del cielo grigio. Tutto è ghiacciato.

Le steli dell’erba, i visi arrossati, le mani messe in tasca.

Ma solo per vedere te, Perla di questo tetro letamaio, ho sfidato le distanze, i paesaggi, le ore della sveglia e dei ritorni in piena notte.

Per te, Perla, non so neanche se sto facendo bene.

Non posso averti nè amarti.

L’ideale meraviglioso di vita, una vita che rimane appunto un ideale.

 

Alb 15/1/2020

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

10 thoughts on “Perla

Rispondi