COME SI FANNO I VIAGGI ASTRALI EXTRACORPOREI @ RACCONTI MISTERIOSI

       Esperienza personale

 

A volte capitano delle cose molto strane apparentemente inspiegabili e lo sono. Parlo dei cosiddetti viaggi astrali, ovvero di vedere dei luoghi remoti dei propri ricordi oppure il luogo in cui ci troviamo in un’altra prospettiva, ovvero dall’alto o di lato.

Di essere in un luogo distante centinaia di Km o in un’altra epoca della nostra vita rimanendo perfettamente seduti o distesi nel posto in cui ci troviamo.

Solitamente in un momento ben specifico, nel dormiveglia o nel limbo del sonno leggero, quando tutto appare confuso, la mente si fa leggera e un punto prima indistinto, poi sempre più netto dello spazio ci appare davanti agli occhi e…

…e si sa, non lo so come, ma si sa che non è un sogno.

La proiezione di un luogo nitido, in un tempo anche non specificato del tempo e della storia ci appare come fosse un film, ma la consistenza è ben più reale.

E si comincia a viaggiare e vedere aspetti dello spazio/immagine presente nella mente e a vedere. Vedere cose che non ci si poteva assolutamente ricordare, oppure perfettamente inedite.

Le esperienze extracorporee o viaggi astrali, se si riesce a raggiungere lo stato di quiete e trance per accedervi, sono molto interessanti e probabilmente pericolosi in caso di non ritorno, ma quando praticavo…quando mi riusciva di farli, non mi ponevo il problema.

Sarà incoscienza, ma il mistero affascina, se no che mistero sarebbe?

 

COME SI FA?

 

In pratica non è molto difficile.

A me riuscivano bene in treno, nel pendolarismo canaglia. Nel tran tran del convoglio, sentivo che mi stavo assopendo e sapevo che avrei potuto farmi un “viaggio” con la mente.

Non so perchè sapevo, certe cose non hanno spiegazioni logiche.

Quando sentivo che stavo perdendo conoscenza mi fissavo su un luogo e mi dicevo “voglio andare qua a vedere”.

E, sentendomi incosciente, ma ben consapevole di dove ero fisicamente, l’immagine da sfocata diventava più chiara.

Quindi andavo a guardarmi in giro per stanze, scalinate, ambienti vuoti scovando anche particolari inediti. Case che non esistevano più da tanti anni.

Il viaggio durava una decina di minuti, poi qualche rumore mi riportava indietro e tornavo alla realtà.

Conservando però le immagini strabilianti che avevo osservato e che ricordo ancora bene.

Adesso è un pò di tempo che non ci provo più, spero di fare un pò di pratica.

A chi non avesse mai provato oppure lo ha provato ma non se ne è accorto scambiandolo per un sogno, consiglio di approfondire l’argomento.

 

Albert 3/9/2020

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

27 thoughts on “COME SI FANNO I VIAGGI ASTRALI EXTRACORPOREI @ RACCONTI MISTERIOSI

    1. Si, in certi aspetti è una cosa da brividi e con avvenimenti molto strani che non ho descritto per non annoiare. Non ho fatto più pratica, certe cose come arrivano così se ne vanno senza fare programmi…

    1. Infatti queste sensazioni, che poi sono cose molto più reali di quello che si pensa, accadono per caso, non si programma nulla a parte dopo che ti accorgi che non può essere sempre frutto del caso, un pò come la telepatia. Le sensazioni sono molto belle ma condite sempre con un sottofondo di sbagliare, ovvero di fare cose che non andrebbero fatte e curiosare in cose che non andrebbero curiosate. Infatti mi è stata bloccata questa curiosità andando troppo in là…

  1. Sì, certo troppo oltre non bisogna spingersi anche se la curiosità è tanta! Un’altra bella esperienza è stata il sogno lucido, mi è capitato solo due volte, anche se questo non comporta rischi, ma è stata comunque una bella sensazione!!

  2. Ne ho sentito parlare, ma non m ricordo di aver mai provato, dovrei pensarci sopra…forse si, certe cose capitano anche non in base alla nostra volontà. Il viaggio astrale invece si può farlo consapevolmente dopo un pò di pratica

      1. Se capitano quando ti addormenti E durante questo sogno di cui fai esperienza praticamente ti trovi in posti diversi da quello in cui sei, che puoi visitare con attenzione e riportarne il ricordo da Sveglio, allora è un sogno lucido.

        Il viaggio astrale è quando ti stacchi dal tuo corpo, vedi il tuo stesso corpo fermo nel punto dove l’hai lasciato e ti muovi all’interno del posto in cui sei.

        tu dici che ti capita quando sei in treno, Nel vagone dovresti muoverti.

        Poi piano piano, con l’esperienza e puoi allontanarti sempre di più.

        Il sogno lucido non è affatto casuale o meglio può iniziare casualmente così come il viaggio astrale ma è inducibile così come si può imparare a indurre il viaggio astrale

  3. A me capita di fare dei viaggi andando fuori dall’atmosfera terrestre, vedo il pianeta terra dall’alto, altri pianeti e le stelle, e mi muovo come se fluttuassi. Ma non sento paura, anzi mi sento molto bene e come se facessi parte di quello spazio. Altre volte vedo degli eventi che stanno per succedere, ed io mi trovo in una specie di tunnel temporale e guardo tutto sapendo che non è adesso ma nel futuro quello che vedo. Altre volte son stata in un mondo futuro, perchè io credo di venire da là, e rivedo posti in cui ho vissuto e persone che sento di conoscere. Queste esperienze non mi stupiscono perchè fin da bambina ho avuto queste esperienze. 😊

    1. Una cosa stupefacente, cara Amleta. Il fenomeno del dejà vù può essere abbastanza comune a tante persone anche se non se ne rendono conto e non ci fanno caso, come la telepatia o il pensare ad una persona e vederla/sentirla dopo brevissimo tempo. Per quanto riguarda le altre esperienze che hai gentilmente citato non saprei che dire, d’altronde i misteri della mente e della psiche sono infiniti, molteplici si manifestano in forme diverse. Vedrò di informarmi un pò 🙂

Rispondi