Tarda estate/Late summer

Il vento alla foce del fiume soffiava da nord est sui nostri corpi appoggiati sugli scogli, come inerti, abbandonati al pensiero della fine della bella stagione.

Come un riflesso telepatico ci girammo nello stesso istante a guardarci, dall’alto in basso, capendo senza aprire bocca che sarebbe stata l’ultima volta…

…il vento avrebbe portato in mondi sconosciuti le nostre promesse.

Un istante dura l’estate, un istante dura ogni sentimento puro.

Un istante siamo.

Albert 11/9/2020

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

5 thoughts on “Tarda estate/Late summer

Rispondi