Niente dura per sempre @ Nothing lasts forever

Niente dura per sempre è così, una triste verità, una drammatica verità. Vedrete che niente dura per sempre ragazzi, niente! Il nostro amico Checco era solito esordire con queste funeree profezie il suo ingresso in scena nei nostri incontri pomeridiani al parco, vicino alle panchine sgangherate dell’ala ovest.

L’ala ovest era più imboscata delle altre, più riservata anche se quella est lo era di più ma noi ci stavamo alla larga perchè veniva frequentata da spacciatori e fruitori di eroina. Conoscevamo alcuni di loro, erano ex studenti della scuola o perchè venivano da noi a scroccare sigarette o soldi per prendersi bottiglie di birra. Il problema dell’eroina era allora una vera piaga sociale che si portò nella tomba anche uno dei nostri, il più emotivamente fragile e dolce, nei suoi modi gentili e graziati ma…

…ma lo spettro della facile consolazione, dell’abbandono sociale e delle chiacchiere dei benpensanti non lo aiutarono nella sua discesa agli inferi dell’emarginazione familiare e sociale.

Niente dura per sempre, cazzoni, sbraitava fiero il Checco. E abbiamo capito pirla, niente dura per sempre, dobbiamo farci fuori per questo? No, cazzoni, lo dico da amico. Vai al diavolo, se questo è essere amici, capra, lo zittiva Katia, la permalosa moretta che amava tutto quello che era fuori schema, soprattutto i fighetti della classe, ma questo è stato già detto…

…bene mister “nothing lasts forever” hai la roba? Chiedeva ribattendo il Mauro, Mauer dalle mani di acciaio (aveva spaccato un muro in un momento di incazzatura solenne, si leggendava). Il Checco sorrideva con quel suo modo di fare di scazzo totale e ci lanciava un pacchetto di sigarette facendolo prima roteare attorno alla testa per fare il figo con le rare ragazze che ci frequentavano…

…ONLY MEN TEAM, solo uomini, facile e logico, le TIPE preferivano compagnie più IN, di TIPI che tiravano fuori il grano per andare ad aperitivi e shopping piuttosto che fumare di nascosto nel parco vicino all’area dei tossici con degli squattrinati, poveracci, sfigati aggiungiamo per addolcire il cocktail poco alcolico.

La colletta sociale comprendeva anche qualche bottiglia di birra e l’acquisto veniva fatto a turno in qualche supermercato distante per evitare di venire riconosciuti e passare per UBRIACONE nella sfiga di essere pizzicati…

…Le birre NON sono mie, sono per i miei amici. See come no. Le sigarette non sono mie, sono di mio ZIO, seee come no. Di mio padre, ma tuo padre non è astemio? E così, altre sottigliezze capitate più o meno a tutti.

Con queste birrozze e le tanto celebri sigarette, Diana rosse che costavano poco ed erano apprezzate dal popolo, si chiacchierava e per un periodo la combattiva, dolce e fragile Katia si sedeva con il Checco a chiacchierare, bere e fumare su una panchina più lontana dalle nostre orecchie ficcanaso. Noi del resto dell’only men team, eravamo logicamente infastiditi ma…ce lo tenevamo in tasca il nostro fastidio.

La Katia veniva spesso in gonna e stivali di pelle con. borchie, un dettaglio che risvegliava non poco i nostri istinti sessuali. Anche quelli del Checco ovviamente. La ragazza gli parlava di tutto e di più, di questo di quello, del disco di mister X, della panza di Tino, della stronzaggine estrema del Mark, della zoccolaggine mostruosa della Sophia, quella sgualdrina malefica, diceva sempre fra i denti. Checco asoltava, beveva sorsetti di birra, annuiva e fissava i gesti disarticolati dell’amica che le facevano alzare la gonna e i collant. E gli stivali…uuh quelli poi…

…quello lo facevano, ci facevano, sballare. Sapevano di cuoio, lei sapeva di gomma da masticare, sigarette e birra, amaro e dolce in un mix erotico di indiscussa follia mentale, sturbo psicologico. La Katia ovviamente sapeva e faceva apposta alzandosi ogni tanto la gonna da dietro e mostrando del tipo VEDONONVEDO, le mutandine. Solo ogni tanto eh, lo scettro di zoccola lo lasciava pure ad altre…ad una sola anzi. Quando lui non rispondeva alle sue pedanti domande o farfugliava qualche frase sconnessa lei si incazzava e gli mollava una manata sulla zucca, sveglia mister NIENTEDURAPERSEMPRE, devi prendere decisioni, che qua oggi siamo e domani non siamo.

Checco una volta gli si era illuminata la lampadina di Archimede sopra la testa e aveva replicato con impeto (bottiglia di birra per terra con suo/nostro disappunto) quindi se OGGISIAMODOMANINONSIAMO e NIENTEDURAPERSEMPRE è la stessa cosa!

La Katia allora si era ricomposta e rimessa in ordine la gonna nascondendo mutande, collant e stivali di cuoio dall’odore inebriante. Nostro disappunto, sua di lui aria di trionfo, anda di scazzo da parte di lei. Vai a prendere un altro pacchetto di Diana, anzi Marlboro, cazzarola. Voi uomini siete proprio tonti, la prossima volta me ne andrò con la compagnia degli aperitivi e del grano.

Così non fece subito, ma tempo dopo. Il magico mondo di ieri poteva ancora colorare le nostre giornate ascendenti, ne era sicura, tutti ne erano sicuri. Dopo il mondo di ieri si apriva quello del domani e del domani non v’era e non c’è certezza.

Carpe diem

Albert 20/11/2020

Pubblicato da Povertà 🌟 Ricchezza

Sono attratto dalla cultura e dall'underground, Amo da sempre la Natura, le favole nordiche, le fiabe crepuscolari, i tramonti, la neve, i fantasmi, le storie legate all'adolescenza e all'essere giovani, narrando in prima persona avvenimenti e avventure dei cosiddetti "bei tempi" La cosa più bella è dare emozioni e gioia, questo blog è nato per questo.

20 pensieri riguardo “Niente dura per sempre @ Nothing lasts forever

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: