Gli spettatori se ne sono andati @ Racconti brevi

Le montagne qua attorno sono come pandori pieni di zucchero

Il paesaggio non è cambiato col trascorrere delle stagioni della vita

Nè il profumo di resina che arriva da lontano.

Come una slavina, il tempo si è portato via quasi tutti gli attori della scena.

Ha lasciato pochi spettatori.

Osservano l’ipnotico orizzonte di neve.

 

A. 9/1/2021

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

28 thoughts on “Gli spettatori se ne sono andati @ Racconti brevi

Rispondi