Giochi per ragazzi @ IL GIOCO DELLA BOTTIGLIA @ Narrativa @ Avventure di adolescenti e ragazzi

PROPONIAMO IL GIOCO DELLA BOTTIGLIA

 

Stando in piedi, braccia conserte, tra compagni di scuola e passatempi pomeridiani in compagnia, si decideva il gioco della bottiglia.

La differenza numerica tra maschi e femmine era a vantaggio dei primi.

Noi maschi eravamo in minoranza, qualche volta pareva un vantaggio, molte volte uno svantaggio.

Si coalizzavano contro di noi, facevano club a parte.

Dominavano.

Fatto il cerchio, non sempre a caso, ci sedevamo a terra.

Le lei si coprivano la bocca nascondendo sorrisi maliziosi.

Gli occhi roteavano qua e là a cercare possibili combinazioni vincenti.

I maschi più timidi arrossivano per la speranza e l’imbarazzo, quelli più spavaldi avevano già calcolato le possibili mosse della bottiglia e si erano messi di fronte alla fanciulla ambita, desiderata.

Raramente si mettevano d’accordo, nessuna voleva apparire come una leggera, prevedibile.

Sedendosi vicini, ci si poteva toccare con le ginocchia.

Visto il gioco, il tocco poteva generare una scossa elettrica nel sistema nervoso, che arrivava al cuore e lo faceva battere forte.

Le gote si arrossavano, pochi avevano il coraggio di voltarsi a guardare le espressioni del vicino partner.

Qualcuno, di solito sempre una ragazza, non era felice della combinazione che si era venuta a creare…

…di possibili baci con chi le stava di fronte e perfidamente lo faceva notare.

La controparte ci poteva rimanere male, il gioco veniva rovinato in partenza, la tensione erotica si allentava, montava quella della rabbia e della frustrazione.

 

IL GIOCO DEI BACI

 

La superficie doveva essere liscia, così la bottiglia avrebbe potuto scivolare e girare meglio. Rimanere ferma, non doveva andarsene per i fatti suoi.

Quindi chi la faceva girare doveva avere il polso fermo e non imbrogliare.

Se non c’era stato nessun accordo, non doveva esserci nessun intreccio sospetto, se no sarebbe venuto fuori, si sarebbe gridato all’imbroglio.

Ai maschietti nove su dieci o 10/10 andava bene qualsiasi combinazione che usciva dal verdetto della bottiglia, ma alle ragazze no.

Invece del bacio sulla guancia si poteva pretendere quello sulla bocca, non dico con la lingua, sarebbe stato troppo.

La bonazza della compagnia, la fanciulla che faceva battere tanti cuori voleva baciare sulla bocca il povero amico non all’altezza?

Di solto la posta in gioco si metteva in tavola prima di cominciare, ma non veniva rispettata se si dovevano toccare due bocche.

Sulla guancia va bene, in bocca sognatelo/scordatelo. 

Eravamo d’accordo, brontolava il ragazzo che per un momento si era sentito il re della festa, il fortunato che avrebbe potuto toccare quella girl che forse la vita gli avrebbe negato. 

Re per un momento. Il re cade nella polvere

Niente da fare, non ti bacio sulla bocca.

Finiva così, niente bacio sospirato, ci si rimaneva male.

Si sminuiva il valore…potenziale maschio desiderato rifiutato per ricadere a maschio zeta.

Il più delle volte, il gioco della bottiglia rivelava una crudeltà.

Lo spaccone, il vincente continuava a farlo anche nella finzione ludica come la finzione del gioco lasciava nella polvere del sogno chi non veniva elevato all’altezza di esserlo come magari avrebbe meritato.

 

Albert 12/1/2021

 

http:/https://www.youtube.com/watch?v=dls_cBmUt7Q

 

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

26 thoughts on “Giochi per ragazzi @ IL GIOCO DELLA BOTTIGLIA @ Narrativa @ Avventure di adolescenti e ragazzi

  1. Se solo potessero giocare di nuovo a questo gioco, in un futuro senza mascherine. 😍
    Comunque, non sarà rappresentativo, ma mia figlia dice, che “oggi come oggi” il gioco più popolare è “obbligo o verità”. 😉

  2. Carinissimo questo racconto! Grazie per avermi fatto rivivere vecchie emozioni dimenticate.
    Ai miei tempi, il gioco della bottiglia era molto gettonato. Si iniziava a giocare pieni di entusiasmo sperando di poter baciare la persona che ti faceva battere il cuore e poi quando la bottiglia puntava proprio quello che detestavi… succedeva di tutto!

    1. Ciao Myriam, grazie per le tue belle parole. Ci sono tanti di questi “ninnoli” giocosi, certi più celebri altri meno, penso a livello geografico, che ci hanno impreziosito. Per quanto riguarda il gioco della bottiglia de ho ammettere che non ho un gran rapporto di successo visto che, come dicevi tu, le combinazioni che uscivano dalla rotazione della bottiglia non venivano rispettate se non da chi già si piaceva o dai leaders della banda. Non rispettando le regole…succedeva di tutto appunto. Approfondirò un pò la tua opera, arrivederci 🙂

Rispondi