Erika la perfida e le pagelle scolastiche @ Avventure scolastiche negli anni 80 @ Storie di ragazzi di periferia

 

 

I primi giorni di febbraio a scuola si svolgevano gli scrutini del primo quadrimestre.

La gioia in quei giorni si eclissava dalle nostre giovani vite e dai nostri volti. Dal nostro sangue, dal nostro fiato, dalle nostre…

Dal nostro tutto.

I prof e le prof della nostra poco gloriosa 4B consideravano la generosità e la bontà d’animo come la lealtà di Giuda nei confronti di Gesù Cristo.

Per cui non ci aspettavamo granchè dalla malefica pagella.

Quel pezzo di carta del piffero buono solo per arrotolarlo e usarlo come cerbottana per lanciare pallini di piombo, sosteneva il sospettoso Frenkie.

O fumarselo dopo averlo ben farcito di roba potente, replicava Andrea nei suoi fumosi e fissi TRIP mentali.

O per metterlo in quel posto a chi so io dalla parte della punta, ghignava la minuta Katia pensando alla Sophia, quella con la PH, la sgualdrina…la dava a tutti…a tutti i fighi…infame…

Ma la 4B era più celebre per avere tra le sue fila la VAMP per eccellenza, la yuppie in ogni minimo particolare, col moroso di 16 anni più grande, quello che la portava a scuola in BMW,  bello come il sole secondo l’invidiosa Silvia.

Naturalmente, tesoro, io giro con il meglio, the best, le aveva risposto Erika (la perfida, la stronza, la malefica, l’opportunista, la zoccola e altri generosi nomignoli).

Gli altri, la plebaglia comunista, come ci chiamava ironicamente dal suo alto pulpito, potevano permettersi le panchine del parco oppure quei bar da pezzenti là vicino.

Stella non è una pezzente, aveva replicato una mattina il Checco difendendo la sua bella barista preferita. 

Immagino che sarà sicuro una che la dà facile e poi Stella, che nome idiota!

Idiota sei tu, stronza…

“zoccolascematroiainfame”

Erika spalancando gli occhi per lo stupore e per l’audacia di quel pirla era corsa dalla sua amica PROF fingendo di piangere e…

…aveva detto che QUELLO LÀ le aveva toccato il fondo schiena e fatto proposte oscene.

Il povero Checco era così finito dal preside e successivamente sospeso per una giornata di scuola.

Erika vincente punti 100, plebaglia comunista, amici dei baracci di periferia punti 0.

Chi la fa l’aspetti. 

 

http:/https://www.youtube.com/watch?v=MK1g5dMYR3s

 

 

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

7 thoughts on “Erika la perfida e le pagelle scolastiche @ Avventure scolastiche negli anni 80 @ Storie di ragazzi di periferia

    1. Infatti, visto che domani ci sono gli scrutini sono in tema mentale. Si grande Electric Barbarella, una delle hit migliori dei DD che non si fila nessuno, ma io che amo quelli che non si filano nessuno piace, ovvio 😉

Rispondi