ELETTRICA ERMETICA @ Profonde riflessioni culinarie di distratte ragazze di provincia


Ermetica come una vongola in fondo al mare, il pesce cerca di entrare nella vongola ma la vongola ben stretta al suo imperforabile guscio se ne sta bella quieta e in pace.

UNA MERAVIGLIOSA CORAZZA! UNA VONGOLA DI QUALITA’

Elettrica una tarda mattinata, stravaccata sul divano, era impegnata a leggere un libro di ricette a base di pesce e si era soffermata sui molluschi.

Le era venuta quindi in mente quella metafora sulle vongole che le calzava a pennello, perfetto perfetta, aveva pensato sorridendo ironicamente…

…scuotendo i capelli rossi fuoco inferno, fuoco passione negata mai provata, a ritmo di musica elettronica.
Martellante, ossessiva.

A quel proposito si era ricordata che una volta la nonna l’aveva portata a vedere un allevamento di vongole verso il delta del Po.

Sinceramente a lei dei molluschi non era interessato un accidente, anche quando li aveva assaggiati non aveva trovato niente di particolare.

Elettrica appoggiando il libro aperto sul petto (stava bene in piedi, era ben fornita in materia)

…aveva ricordato che mentre guardava quelle stupide vongole un cameriere o cuoco o boh…

Le aveva messo le mani unte sui capelli per farle una carezza.

Ma che bei capelli rossi ha questa signorina, come ti chiami?

Lei era rimasta impietrita, rossa in viso per l’imbarazzo.

Sua nonna non aveva risposto subito, ci aveva PENSATO SOPRA.

Si chiama Ele, dai rispondi te, non fare la selvatica.

La nonna l’aveva chiamata Ele e non Elettrica. Brividi lungo la schiena .

Il tipo aveva sorriso, Ele…Eleonora, Elena?

LEI si era scostata per levarsi quelle manacce dalla sua testa rossa e aveva risposto con sospetto, Elettrica.

Quindi aveva messo le braccia conserte, imbronciata.

Ma dai, che nome particolare, forse era meglio Elettra, ma sicuramente il nome rispecchia quei tuoi bei capelli elettrici.

Basta così, gita finita in malora. Elettrica se l’era presa e non aveva più aperto bocca se non a monosillabi.

A casa poi si era messa a piangere, quando era rimasta sola.

Che nome idiota mi hanno messo, aveva pensato tornando a leggere il libro di ricette.

Quei ricordi la facevano soffrire, le veniva quasi di nuovo quella carogna di ANSIA, ma l’idea di un futuro rivoluzionario come eroina indiscussa la faceva stare meglio.

Ma l’effetto placebo di solito le durava poco, la scontata realtà che invece di diventare una rivoluzionaria sarebbe diventata la…

Concubina, amante, domestica, donna di piacere, geisha, sgualdrinella, sguattera…

di qualche mediocre omuncolo la faceva sentire piccola, mediocre e insignificante.

Già sentiva la voce roca di un omone con la canottiera unta e la panza fuori che le chiedeva se le VONGOLE erano pronte per la pasta e…

Muovi quelle chiappe, guardati che sei ingrassata e imbruttita, Elettrica, sei una cozza!

Bah, all’inferno, aveva pensato in quell’occasione lanciando il libro per terra per concentrarsi meglio sul ritmo ossessivo.

In fondo rimanere VERGINI, ermetiche, impenetrabili, selvatiche, ostiche, scorbutiche, antipatiche poteva avere il vantaggio di scongiurare di diventare sguattere amanti tradite di qualche idiota.

La rivoluzione però rimaneva in fondo al tunnel della sua mente.

La rivoluzione, parola così dolce ed erotica come il miele, come la primavera che fuori sbocciava.

Elettrica ermetica come Elettrica fantastica!

Albert 4/3/2021

 

 

 

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

23 thoughts on “ELETTRICA ERMETICA @ Profonde riflessioni culinarie di distratte ragazze di provincia

      1. Ecco! Come mi capisce Ele.. intendevo proprio quello. Brava!😂 metti che per fare “da sugo” si dimentica chi è.. io poi che leggo, dopo!😨😁

    1. Mi è venuto da pensare a ste vongole guardando prima un programma dove servivano grigliate di pesce in un ristorante pugliese sul mare. Uno fa al cameriere e vongole ne avete? Ecco, la storia è servita ahahah

      1. Devi essere spinto da moto interioreeee…
        😂🤣😂
        Puglia is state of mind.

        Kmq se non si era capito: je so d bbàr
        😎😎

Rispondi