Scatti di follia @ RUOTE DI MULINI SENZA ACQUA @ Collera, paura, stress, sindrome da traffico

 

IL PAPAVERO ROSSO SBOCCIA A MACCHIE CHE COLORANO DI SANGUE IL PAESAGGIO

SERA DOPO SERA IL COLORE SI CONFONDE COL NERO DELLA NOTTE

RISORGE IL GIORNO DOPO, IL ROSSO SFIORISCE E TRAMONTA

L’EMOZIONE GIRA RUOTE, RUOTE DI MULINI SENZA ACQUA

 

Albert 8/6/2021

 

 

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

31 thoughts on “Scatti di follia @ RUOTE DI MULINI SENZA ACQUA @ Collera, paura, stress, sindrome da traffico

  1. tutto si confonde nella notte, tutto risorge all’alba. e l’emozione, qualsiasi essa sia, fa girare tutto si! anche i mulini rimasti a secco!

        1. no aspetta…allora c’è chi è più fancazzista de noi… e poi dicono …
          te toccano gli scrutini, no?

        2. lasciamo perdere….mia figlia, piccola, ha finito le elementari e per le pagelle dobbiamo aspettare la fine di giugno. Mia figlia, grande, ha l’esame di terza… il 17 giugno e l’esisto disponibile sempre a fine giugno….quindi cmq sta scuola ce la portiamo dietro un altro mese

        3. Ci sono delle scadenze da rispettare, scrutini e menate simili, non è colpa degli insegnanti. Non aspettarli con l’accetta in qualche vicolo 🙂 In bocc a al lupo alle ragazze allora

        4. gli insegnanti non sono responsabili di queste procedure del cazzo come lo schifo che si vede nella scuola. ci mancherebbe…anche se c’è una prof di Sopi che sinceramente un vaffanculo glielo tirerei addosso ….

  2. mulini che girano con il vento caldo e profumato che preannuncia l’estate. Quando scrivi questi pensieri, colpisci sempre da qualche.. parte.. un po’ di più…

Rispondi