ELETTRICA CATARTICA @ Racconti di ragazze dai capelli rosse e ribelli nel caldo infernale della provincia italiana

ELETTRICA, IL CALDO DELLA BASSA EMILIANA E L’OPINIONE SULLE RAGAZZE CON I CAPELLI ROSSI

Per la povera Elettrica l’estate nella bassa padana emiliana non era proprio il massimo come clima.

Il caldo dominava indisturbato, l’afa e l’umidità attanagliavano tutto senza misericordia, i moscerini scendevano a plotoni.

Elettrica, rossa guerriera mancata di provincia, ODIAVA L’ESTATE.

Va bene quando c’era la scuola e si andava in vacanza…va bene quando la portavano sulle spiagge romagnole, quelle meno famose perchè non erano POVERI, non c’erano SOLDI.

Era bello andare al mare però…che bei ricordi. Giocare con la sabbia, correre tra le onde, guardare i ragazzi belli abbronzati e lei timida fiorellino bianco come un fantasma con i capelli rossi che svolazzavano qua e là al vento.

Nonostante tanti vantaggi, lo iodio, il sole, il mare si sentiva sempre osservata e giudicata per cui era arrivata alla conclusione che…

LE RAGAZZE ROSSE SONO DELLE SFIGATE!

Cambiare è dovere, quindi…

Sulla porta di casa, tra le cicale inferocite che frinivano e ululavano alla caldana, Elettrica aveva deciso che avrebbe dato un taglio alle sue idee iconoclaste e si sarebbe vestita leggera.

Stop pantaloni e maglie militari e avanti vestitino fiorito a gonna, infradito e…pensieri liberi e indipendenti da ogni influenza/sega mentale disturbante. Disturbo ossessione della salute psicologica. 

ELETTRICA SI PERDE IN UN CAMPO DI GIRASOLI

Un tardo pomeriggio, dopo essere stata a rinfrescarsi nell’inquinatissimo Po, meglio di niente, era andata a farsi una pedalata per la campagna infuocata. C’erano dei campi di girasoli.

Il fiore simbolo dell’estate seguiva con il suo fiore il corso del sole nel cielo dall’aurora alla sera, alla notte quando si chiudeva leggermente.

Con la sua gonnellina svolazzante, sentendosi veramente libera senza la sua costrizione mentale di evitare di farsi vedere, era arrivata davanti i fiori e si era inoltrata nella “giungla” immaginandosi guerriera,

LARA CROFT CHE AVANZA NEL CAMPO DI GIRASOLI A COMBATTERE LA SUA GUERRA.

Lara però aveva nemici spietati che stavano nell’ombra per cercare di ucciderla. La ragazza invece combatteva contro un nemico invisibile, immaginario, combatteva contro sè stessa.

ELETTRICA GUERRIERA CONTRO ELETTRICA SENSIBILE 0-100 Impara, dolcezza rossa, la guerra contro sè stessi è perduta, la vittoria sta nell’empatia. Elettrica accarezza i girasoli, le cornacchie ogni tanto si abbassano verso i fiori per mangiare i semi.

Si rialzano, volano via nell’orizzonte, verso il sole rosso del tramonto come pensieri e riflessioni.

Vanno lontani, spariscono. Poi ne arrivano altri. Tutto una mutazione, un via vai di emozioni, pensieri. Durano un momento e se ne vanno.

Possono lasciare un segno perenne e non lasciare traccia.

PANTA REI, tutto scorre. Scorre con il passare delle ore e delle luci della giornata. Si fa sera, i lampioni stradali si illuminano qua e là.

Elettrica sorride alla brezza serale.

Prende la bici e se ne va a zig zag per il viottolo con le lucciole che danzano attorno.

Prossima tappa il mare pensa a voce alta e mare sarà, bella o brutta che sia. Bianca fantasma o bianco latte, chi se ne frega!

Albert 27/6/2021

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali, dal disagio sociale e la tematica giovanile. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, scrivere qualche riga qua e là su temi giovanili, personaggi femminili tragicomici e un po vintage, perchè mi piace così. Ad maiora

19 thoughts on “ELETTRICA CATARTICA @ Racconti di ragazze dai capelli rosse e ribelli nel caldo infernale della provincia italiana

  1. Ah Elettica! Corri .. magari perdendoti nei girasoli ti ritrovi.. da qualche parte.. testolina rossa che non sei altro!😊

      1. Ho notato una certa affinità 🙄😀😀😀 sisi.. ci intendiamo eccome😁🌻🌻🌻🌺🌺🌺

        1. mannaggia! sono pure appassionata di quiz, rebus e cose da vecchia signora ahahahhahahaha!

    1. ehi Kompa, certo il girasole è un gran bel fiore, per non parlare delle ragazze con i vestiti a fiorellini, rosse poi appartengono ad un mondo di fantascienza, almeno per quello che mi riguarda 🙂

  2. Albè🙄 scusa ma ti devo fa na domanda un po’ bizzarra 😂 ma solo qua te la posso fa😅. Ho urgente bisogno di leggere cose che non siano i soliti classici in cui mi rifugio o cose di lavoro.. che hai qualche suggerimento? 😂 grazie mille☺️☺️

    1. Stephen King Salem’s lot o le nottt di Salem, letto 16 vote
      Pet Sematary, favoloso ipnotico
      I libri di Roth e tanti altri che non mi ricordo se no vien fuori un discorso eterno. Ma la 1 edizione dei primi due e non le ristampe con nuova traduzione orrida sono top. I mesi di scuola sembravano una fila di croci di un immenso cimitero ahahah by Salem’s lot, fantastico book

Rispondi