I RAGAZZI LICEALI SI LAMENTANO NEI BAR DI PERIFERIA NEI POMERIGGI D’ESTATE @ Avventure giovanili della periferia italiana

PUNIZIONI MANCATE PER I RAGAZZI TERRIBILI DELLA IV B

I genitori avevano minacciato severamente i ragazzi della cumpa, della compagnia della IV B. Tre esami qua, due là.

Due ancora al di là.

A parte la malefica Erika, promossa con la media del 7 abbondante, che avrebbe girato con noi manco sotto la minaccia armata e il finto proletario Piero, passato con quasi la media dell’8…

…si VOCIFERAVA che il paparino avesse pagato profumatamente i voti del figlio….si sussurrava…

Le minacce dei genitori di mandare una a studiare dalle suore o farla DIVENTARE SUORA, l’altra di mandarla a calci nel sedere in ufficio di collocamento e a fare qualsiasi lavoro in caso di bocciatura…

…le minacce dei genitori si erano abbastanza affievolite.

Ogni tanto…tanto spesso, ci si trovava nel solito bar Stella, il tavolino sull’angolo della piazzetta, vicino la chiesa, ben ventilato Posto sicuro e tranquillo.

Nei giardinetti in estate la comunità degli eroinomani si era preso il nostro posto preferito, le panchine vicino ai bagni…bagni che venivano usati per scaldare cucchiai e altre tristi realtà che le guardie facevano finta di ignorare.

Ma noi, pur giovani e inesperti delle cose del mondo vedevamo, sapevamo cosa andavano a fare. E morire pian piano, uno alla volta.

RIPETIZIONI ESTIVE…LATINO…NON CAPISCO NIENTE! 

Il caldo estivo nella metropoli di pianura si faceva sentire alla grande. Fortuna fuori dal bar di Stella si poteva stare fuori, sotto le fronde degli ippocastani e girava un pò di vento e…

Come va con le ripetizioni aveva chiesto il Checco alla bionda e scorbutica Michela…

Mah guarda, non parliamo di ste robe, tra un pò non mi ricordo neanche i casi della 3 declinazione neutra, porca miseria.

Mani appoggiate alle gambe nude, scossa lungo la schiena, aria truce. Riuscire a tradurre Cicerone e quelle altre menate preistoriche sarà un casino.

Non potevo andare a fare le magistrali, così finivo in QUARTA e a sta ora avevo già il diploma? All’inferno il liceo classico.

Se andavi là non ci saremmo conosciuti, aveva detto il mite Checco sospirando in trance.

La Toffee l’aveva fissato di traverso rosicchiando lo stecco del ghiacciolo.

Hai detto delle parole molto gentili, aveva sussurrato la moretta Katia dandogli un colpo sulla spalla.

Michelina aveva alzato le spalle per atteggiarsi da dura, ma negli occhi luccicanti da bulla dei giardinetti aveva fatto intendere di avere gradito la sviolinata.

Vale, chiudendo gli occhi aveva intrecciato le dita…

Quanto vorrei che qualcuno dicesse anche a me queste parole dolci. Poco dopo ci eravamo alzati e sotto un vento caldo eravamo tornati a casa per evitare ulteriori rimproveri.

Cicerone attendeva…Tacito attendeva…filosofia attendeva.

Stella attendeva che il suo giocatore di flipper preferito venisse a rapirla dalla drammatica routine di barista di periferia per portarla nel Valhalla.

Attendeva. La periferia oziosa non faceva trapelare nessun possibile cambiamento.

Il cambiamento sarebbe arrivato, sarebbe stato meglio non averlo visto mai.

Albert 6/7/2021

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, incontrare, amare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, cantare per la gioia dei vicini e scrivere qualche riga qua e là. Perchè scrivere crea emozione e spero anche la dia anche all'errante approdatore di questo spazio. Ad maiora

16 thoughts on “I RAGAZZI LICEALI SI LAMENTANO NEI BAR DI PERIFERIA NEI POMERIGGI D’ESTATE @ Avventure giovanili della periferia italiana

  1. la cosa diventa ancora più bizzarra.. stavo per fare un post con quel pezzo degli 883, ahahahaha

      1. ho visto, ho visto 😀 ma a me serviva per un collegamento – piuttosto nostalgico- da fare 🙂 post visione serie Netflix

        1. Oh, bello, non conosco, non guardo e non ho la televisione, infame strumento di menzogna 😀
          Guardo solo chi l’ha visto, anche amore criminale quando c’era, in streaming AHAHAH

        2. mi sparo netflix da un paio di anni proprio perché non vedo la tv 😀 vedo chi l’ha visto pure io ahahahah e i documentari di rai4 per il resto.. il buio -.- 😀

        3. Una volta c’erano bei programmi, belli forte. Non mi interessa la telecrazia omologata da un solo discorso/discorsi a senso unico che ha rotto non poco le scatole. Sono polemicissimo come le girls del bar Stella ahah. Chi l’ha visto fantastico, adoro i noir, si prendono spesso ottimi spunti…di riflessione

        4. Ho smesso da quando criminal minds è sparito 😁 per il resto non considero proprio .. mi scoccia anche dare tempo mentale alle stronzate che passano in TV, nei salotti o nei “dibattiti” che fanno.. Mi serve energia mentale per altro (sì.. sono un po’ fondamentalista su certe cose😂) ed erano documentari di rai5 non 4.. ecco.. non so manco bene il canale 😂😅😅😅

        5. Ahahahahaa non esserne tanto sicuro 😁 dai su.. buttiamola sul ridere.. w barbarella d’urso ahahahahhahahahaha

  2. E vabbè Buona serata/notte Maè.. io mi abbraccio la mia amica insonnia 😂 e mi perdo tra le stelle. Sta lontano dai vecchi playboy ahahhahaah🌠

Rispondi