ELETTRICA ROSSA PAPRIKA @ Avventure di rosse ragazze provinciali brontolone sospettose deliziose

ELETTRICA E MISTER X

Comincia bene, finisce male

Mister X apre le braccia in un finto abbraccio e sorride ad Elettrica. Elettrica sorride di rimando. Mister X rimane sorpreso.

MISTER X: E’ la prima volta che mi sorridi, una cosa stupefacente.

Elettrica alza le spalle e arrossisce. Poi si fa seria per non uscire dal personaggio che si è costruita da una vita. 

ELETTRICA: Non è niente di particolare, ogni tanto si deve sorridere no? Quindi niente fantasie strane, please!

MISTER X: Hai fatto nuove amicizie, si vede dal tuo aspetto radioso e rilassato.

Elettrica si mette a ridere dandosi una pacca sulle ginocchia.

ELETTRICA: Nuove amicizie, niente di più falso. La vicina di casa, una povera sfigata senza amici, senza amore e senza sogni passa ogni tanto da me per quattro chiacchiere…per un gelato in paese. Tutto qua, mister.

MISTER X: Non è anche il tuo caso? Perdonami se posso apparire maleducato, ma ti sei descritta perfettamente. Senza amici, senza amore. Sogni si, quelli ce li hai e anche tanti e belli.

Elettrica si liscia i capelli rossi incavolata nera. Sembra emanare un’aura elettrica. Una strana energia…energia rossa…rossa…

ROSSA PAPRIKA, ELETTRICA ROSSO PAPRIKA

ELETTRICA: Mi stai dando della sfigata, sclerata, acida, poveraccia?

Mister X fa una smorfia. 

MISTER X: non ho detto quelle parole però stai cominciando la strada che ti porterà a diventare adulta e consapevole che il mondo dei sogni rimane solo un sogno.

Consapevolezza che ti…EHI, fermati, non scappare!

Ele, torna! Accidenti a te, testarda!

Fine del dialogo.

ELETTRICA E LE ZANZARE 

Il problema di ogni abitante della Pianura Padana erano le zanzare, moscerini, mosquitos maledetti.

In estate arrivavano a plotoni, scendevano come un attacco aereo sulle prede umane.

Elettrica era una di queste prede umane, una delle loro preferite.

Forse sarà per via dei capelli e delle lentiggini, aveva pensato spesso, sarà perchè sono sfigata!

Potevo nascere in Svezia, cazzarola…sembra che non vada niente di bene in me, niente.

Le zanzare continuavano a tormentarla d’estate e nelle altre stagioni, aveva le gambe piene di punti rossi, si odiava, sembrava quasi fosse colpa sua di questo disagio, le veniva ansia.

Pensava al dottore, magari mi da qualcosa, un unguento…magari ti chiede di spogliarti e ti fa un’analisi, rossa pervertita, diceva la voce della coscienza.

ELETTRICA E LA VICINA: PENSO IO A TE!

Ci vuole solo Autan a palla, sarà tossico, ma devo difendermi…

Un pomeriggio la famosa vicina impicciona era andata a trovarla per portarle la sua famosa pizza all’emiliana

(una pizza Margherita, aveva pensato LEI, che cavolo ha di emiliano)

Ascoltate le lamentele condite da milioni di parolacce della bella rossa dai capelli paprika aveva schioccato le dita.

PENSO IO A TE!

Elettrica era trasalita per quelle parole dette con straordinaria determinazione.

ECCO! Ero sicura che ci provava con me, che mi seduce e…

La vicina, arrossendo aveva preso dal suo zainetto una pomata e gliela aveva data. Ricetta segreta, prova a metterla addosso.

Una cosa favolosa, problema risolto, le zanzare non scendevano più ad attaccarla.

Almeno per un pò.

Elettrica ringrazia e torna a godersi le corse in bicicletta lungo l’argine del Po, trascinandosi dietro ogni tanto la vicina di casa…in fondo Mister X non aveva sbagliato neanche un pò

Albert 1/8/2021

TI VEDO STANCA

HAI LE BORSE SOTTO GLI OCCHI

COME TI TROVI A BERLINO EST?

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali, dal disagio sociale e la tematica giovanile. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, scrivere qualche riga qua e là su temi giovanili, personaggi femminili tragicomici e un po vintage, perchè mi piace così. Ad maiora

13 thoughts on “ELETTRICA ROSSA PAPRIKA @ Avventure di rosse ragazze provinciali brontolone sospettose deliziose

  1. eccola la rossa! quasi mi preoccupavo 😀 “comincia bene finisce male” ahahahahahahaah Alberto, Alberto!
    Comunque la pizza mi ha fatto pensare a un discorsone fatto con il proprietario di una osteria a Bologna, che bestemmiava degli egiziani che avevano aperto una pizzeria spacciandola per vera pizza napoletana , ahahah.. che ricordi meravigliosi conditi da sano vinello della casa 😀
    Inutile dirlo.. rossa mi fai sempre più tenerezza delle altre.
    – la canzone mi ronzava in testa da giorni!

    1. Grazie 🙂 Mi ricordavo che i locali etnici e/o italiani all’estero europeo sono gestiti da turchi o medio orientali. Di italici doc più facile ristoranti, anche se là si potrebbe discuterci sopra. Comunque io non sono un fanatico della cucina italiana, mi piace quello che è tipico del luogo al contrario di diversi italioti che pretendono di mangiare come a casa loro, sic, va beh no comment.
      Alexanderplatz di Milva/Battiato non è la prima versione, nel 1979 c’è una prima versione di Battiato assieme a Giusto Pio chiamata Valery e cantata da Cohen. Poi ci sono altre versioni auf deutsch di Milva con testo diverso che ho nella mia raccolta di album in crucco di Milva presi un pò in Austria un pò su ebay.

      1. Ti prego… mangiare italiano fuori Italia tanto vale che non ti muovi proprio 😂 Pensa che io sono così appassionata del sapore estero che faccio l’inverso.. magari vado in bizzarri discount a cercare qualcosa di “straniero” proprio per rivivere una certa emozione😂😂😅😅. Il viaggio parte soprattutto dal cibo e bevanda locale.. e per dirlo io che sono pure allergica a diverse cose 😅 ma.. sapessi quanto mi piace vivere come fanno nel determinato posto.. Cioè.. vado proprio a fare la spesa per mangiare.. 😂 piena immersione nel mood locale.
        La conosco quella versione 😊

        1. Si si, idem ma non cerco granchè la qualità, basta che sia mangiabile e che non sia fritto (a parte calamari fritti ahaha) o con zucchero a parte eccezioni, me ne frego che sia di qualità
          Ah la conoscevi sta versione, sei la prima che lo sa 🙂

        2. 😂 a Napoli si dice sei una “mulazza”😂😂😂😂😂 Io ho un problema con aglio e cipolla il che è un dramma, se ci pensi, per il cibo dell’est ma.. in qualche modo risolvo 😂🧐☝️ che po’ sono giorni che ripenso ai pierogi ai funghi e alla birra 😭 Se non torno a viaggiare, impazzisco .. altro che Doc😅
          Qualcosina ina la so😊

        3. Beh il cibo dell’est a parte le zuppe fa abbastanza pena a parte eccezioni, come al solito, ahah, meglio quello mediterraneo. Ma fa più pena quello nordico scandinavo. La cucina migliore secondo me è quella cinese ma vera cinese, thai e nipponica, TOP 🙂
          Beh Valery è più di qualcosina

        4. 😁 infatti io son mediterraneo 100% piatti arabi.. con incursioni est per certe cose che trovo molto interessanti .. altre so solo zupponi 😁 Sul cinese ahimé no🤣 là non riesco e penso di essere l’unica vista la gran moda che c’è ora 😁
          😊

        5. L’avevo, che?😁
          Son gusti, son gusti.. le mode vengono dopo.. ma a me davvero non emoziona come cucina 🙈🙊

Rispondi