IL PRINCIPE DI NOTTE SU UNA VESPA GIALLA

Andare in Vespa negli anni 80

IL PRINCIPE DI NOTTE SU UNA VESPA GIALLA

SONO IL PRINCIPE CHE GIRA DI NOTTE SU UNA VESPA GIALLA.

Così era stato scritto su un muro con lo spray nero durante la notte, il muro di un edificio che stava davanti al solito bar davanti la piazzetta di periferia.

Stella, la padrona del bar assieme ai soliti curiosi era andata a vedere la scritta da vicino, come se da vicino avesse più effetto che da lontano.

L’atto vandalico, atto gravissimo inaudito, secondo alcuni, sarebbe dovuto essere punito con la massima severità. Da fargli pulire la scritta con la lingua e poi dargli un bel pò di botte aveva suggerito una signora.

Scriverla meglio con il suo sangue, aveva sostenuto un altro tizio. Tu che dici Stella? Stella, con le mani incrociate sul petto, aveva alzalo le spalle. MAH, aveva detto vaga. MAH…

Il principe che gira su una vespa gialla, aveva ringhiato il gestore dell’edicola fornitissima di giornaletti VIETATI AI MINORI.

Dobbiamo tenere d’occhio ogni pirla che gira con vespe gialle. Coro di SI. Anche tu Stella stai attenta, magari è un maniaco. Stella aveva annuito lisciandosi i capelli biondi.

GIÀ…GIÀ, aveva detto lei con la mente rivolta altrove. Con un cenno di saluto era rientrata a servire i clienti.

La Vespa e il bar di periferia

STELLA STELLINA SOGNA IL PRINCIPE

Nel corso del pomeriggio Stella aveva pensato a chi diavolo poteva essere quel principe su una Vespa gialla.

Sicuro non un principe vero, sicuramente però qualche figo che la mena si. Capellone, stivali di cuoio, pantaloni attillati, giacca di pelle.

Come quel cretinetti fighetto che veniva a giocare al suo flipper di cui non sapeva manco il nome. Forse è lui. Ma LUI gira in moto

Aveva appoggiato la mano sul bancone fissando la scritta oltre il vetro del bar. IL PRINCIPE DELLA NOTTE CHE GIRA SU UNA VESPA GIALLA.

Sogni interrotti da un cliente che voleva un caffè.

Magari…chissà…forse…

Il principe che gira su una Vespa gialla entra una sera nel bar e allungando una mano piena di anelli a forma di teschi prende la mano di Stella e le dice VIENI. Stella sale sul sellino e mette le mani attorno alla vita del principe per tenersi stretta, per non lasciarlo andare via.

La Vespa accelera, sfreccia per la città, non si torna più indietro.

MAI PIÙ

 

Albert 21/11/2021

 

¿Cuál es tu reacción?

Feliz

0

Alegre

0

Da igual

0

Enojo

0

Tristeza

0

Sono un insegnante, attratto dalla cultura e dall'underground urbano e la sua musica, la periferia e le sue sfumature sociali, dal disagio sociale e la tematica giovanile. Amo la Natura, la letteratura del Novecento europeo, le avventure per ragazzi, i tramonti sulle valli e sulle lagune del mare d'inverno, le montagne, la neve, i boschi, il silenzio dove pensare, meditare, suonare e creare musica, collezionare dischi e libri, scrivere qualche riga qua e là su temi giovanili, personaggi femminili tragicomici e un po vintage, perchè mi piace così. Ad maiora

7 thoughts on “IL PRINCIPE DI NOTTE SU UNA VESPA GIALLA

Rispondi