Visite dal profondo

Doonnn, dooonnnn, suona l’orologio antico nella sala della vecchia casa, quella su un lago scuro scuro, nero come la notte più nera. Sprofondati in una poltrona polverosa, con un saggio su Lovecraft in mano, il sonno viene rapido. Si sta comodi, non c’è rumore, non c’è anima viva. Nessuno turba la vita, nessuno turba laContinua a leggere “Visite dal profondo”